RICERCA MATERIALE FOTOGRAFICO (e filmico): Buonasera, Questa immagine è parte di un'intervista realizzata anni fa (e mai pubblicata prima) a Jean e Berta Mulè, siciliani di Tunisia, di origine di Giarratana, provincia di Ragusa, che incontrammo in occasione di uno dei diversi viaggi in Tunisia, sulle tracce della memoria di questa immigrazione. BENE, ho montato questa intervista, alla quale vorrei aggiungere del materiale fotografico (sarebbe eccezionale anche filmati) che riguardano principalmente la vita e il lavoro in campagna (immagini di luoghi, ritratti, case, qualsiasi momento che possa rappresentare questo spaccato di vita quotidiana. FACCIO APPELLO a chi voglia contribuire alla realizzazione di questa video-intervista, chiedendo di inviarmi le foto, e allegando una breve autorizzazione all'utilizzo, al mio indirizzo email: enrico.montalbano@gmail.com o qui su messanger. Jean Mulè è recentemente scomparso, e sarebbe un bell'omaggio alla sua piccola ma importante storia. Grazie per la collaborazione (contattatemi privatamente per qualsiasi domanda). Enrico Montalbano
Agrigento murales: quartiere Santa Croce, quartiere migrante...
    photo: Enrico Montalbano
Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2018, si è svolta al cinema De Seta (Cantieri Culturali alla Zisa) la tappa palermitana della rassegna "Viaggio in Italia col cinema tunisino"organizzata da SudTitles Palermo e la neonata Cineteca Nazionale di Tunisi, che ha girato in queste settimane diverse città italiane.
All'interno della rassegna ho presentato i cortometraggi "Kif Kif - siciliani di Tunisia (del 2012- di Enrico Montalbano e Laura Verduci) e "Marinette torna a casa" (del 2014 - di Enrico Montalbano, in collaborazione con Laura Verduci) primi appunti video del progetto VENTO, che oggi riprendo con la rinnovata idea di realizzazione di un film-documentario, insieme a Koiné Film, casa di produzione di Palermo. Sono stati due giorni di visioni intense, interessanti documentari e bellissime pellicole classiche della cinematografia  tunisina, ma anche terreno di scambio per future collaborazioni.


Comunicazione: a breve il blog sarà rinnovato e aggiornato, con nuovi documenti e narrazioni, correlato di fotografie e materiale audiovisivo. A prestissimo...buone visioni!

Come folate di vento si muovono le persone. Il VENTO alza polveri, trasforma, rimodella.
Ecco la metafora da cui voglio partire. Un vento passa e ripropone. Ricompone mentre  muove.
Le migrazioni sono come il vento. Mutano gli assetti, modificano i paesaggi.
I paesaggi sono le cose e le persone. Il loro modo di vivere, di pensare.
Un cambiamento lento e inevitabile si ripropone.


Vincitore nella categoria “Master" del concorso MEMORIE MIGRANTI a Gualdo Tadino (PG), Museo dell’Emigrazione “Pietro Conti”,  VIII edizione (2012).
Pagina ufficiale: 
http://www.emigrazione.it/magazine/news_94


Per altre informazioni vai su "Pagine del percorso" nella colonna a fianco
Per il formato originale del video clicca direttamente sul link youtube.